Windows 10 May 2019 Update

In Blog by gdimartino

Windows 10 May 2019 Update è il nome ufficiale del prossimo feature update del sistema operativo di Microsoft, nota fino ad oggi con il codice 19H1. Previsto al debutto per la prima metà dell’anno, e nella fattispecie per aprile se si considera lo storico dei rilasci dell’azienda, la nomenclatura appena confermata sottintende che Microsoft vuole prendersi qualche settimana in più per finalizzare il codice e distribuirlo al grande pubblico.

L’aggiornamento verrà rilasciato in via preliminare ai Windows Insider sul canale Release Preview già a partire dalla prossima settimana, mentre il roll-out generale ai primi utenti (probabilmente quelli con i sistemi più moderni e aggiornati) prenderà il via “gradualmente” a partire dal mese di maggio: “Inizieremo a espandere la disponibilità nella seconda parte di maggio per gli utenti commerciali, per chi sceglie May 2019 Update sul proprio PC attraverso la voce Verifica disponibilità aggiornamenti e per gli utenti la cui versione del sistema operativo installata è verso la fine del supporto”, scrive Mike Fortin, dirigente di Microsoft per la divisione Windows.

Windows 10 May 2019 Update, cambia il sistema di aggiornamento

Pare che questa volta Microsoft voglia evitare problematiche al lancio della nuova versione facendo un uso migliore del canale Release Preview. Con Windows 10 October 2018 Update le cose non sono andate come previsto, fra cancellazioni involontarie di file e problemi nella gestione dei file .zip, ed è chiaro che l’azienda non voglia ripetere gli strafalcioni dello scorso autunno. Questa volta Microsoft rilascerà anche una build finale di May 2019 Update rivolta ai produttori hardware, realizzata sulla base delle modifiche fatte dagli Insider nel canale Release Preview.

A partire da May 2019 Update, inoltre, Microsoft modificherà il metodo con cui verranno distribuiti gli aggiornamenti nei computer degli utenti Windows 10 in modo da offrir loro maggiore controllo. Sarà possibile mettere in pausa il download e l’installazione dell’update per un massimo di 35 giorni, e Microsoft ha migliorato la funzionalità “Orario di attività” per consentire al sistema operativo di individuare in maniera intelligente qual è l’ora giusta per installare gli aggiornamenti.

Viene modificata anche la schermata Windows Update, in modo che il tasto Verifica disponibilità aggiornamenti inizi il controllo solo ed esclusivamente degli aggiornamenti mensili e di qualità, mentre per gli aggiornamenti semestrali (i cosiddetti feature o major update) ci sarà un’intera sezione dedicata in basso con la voce “Download and install now”. È interessante notare che la stessa esperienza di download sarà implementata anche sulle ultime versioni di Windows 10 (1803 e 1809) e non solo a partire da May 2019 Update.

Windows 10 1903: le novità

Le novità di Windows 10 May 2019 Update (1903, 19H1): dal Light Theme alla separazione tra Cortana e box di ricerca, fino alla funzionalità Sandbox.

Microsoft ha confermato oggi che il prossimo aggiornamento semestrale del proprio sistema operativo sarà Windows 10 May 2019 Update e non April 2019 Update come più volte ipotizzato nei mesi scorsi. La versione 1903, contraddistinta dall’etichetta 19H1 durante la fase di test, verrà rilasciata entro pochi giorni nella sua incarnazione Release Preview agli Insider per poi arrivare sui PC di tutti gli utenti entro fine maggio.

La novità più importante è forse quella che riguarda le modalità di rilascio degli aggiornamenti, riviste dal gruppo di Redmond in seguito ai pasticci registrati al debutto dell’October 2019 Update, ritirato a pochi giorni dall’avvio della distribuzione per problemi legati alla cancellazione involontaria dei file. Gli utenti saranno in grado di mettere in standby il processo di download e l’installazione. Non mancheranno ovviamente funzionalità inedite, molte delle quali già viste e descritte nei mesi scorsi con la distribuzione delle versioni di anteprima offerte agli Insider.

Light Theme e nuovo sfondo

Una delle più evidenti riguarda un Light Theme reso più chiaro rispetto al passato sulla base ai feedback raccolti, accompagnato da uno nuovo sfondo ufficiale del sistema operativo.

Restando in tema, si segnala il menu Start semplificato e alleggerito, già visto nella build 18305.

Windows Sandbox

La release 1903 porterà con sé anche Windows Sandbox, una feature dedicata alla sicurezza che crea un ambiente desktop temporaneo, una virtual machine che opera in modo indipendente dal sistema operativo all’interno della quale eseguire qualsiasi software, anche quelli dalla natura sospetta, senza temere alcun tipo di compromissione per il PC o per i dati in esso contenuti.

Cortana e ricerca

Con la build 18317 è stata messa alla prova la separazione tra il pulsante dedicato all’attivazione dell’assistente virtuale Cortana e il box di ricerca presenti sulla barra delle applicazioni. Un cambiamento che debutterà per tutti con il May 2019 Update.

Android e mirroring

Con la successiva build 18356 è stata sottoposta agli Insider la possibilità di effettuare il mirroring di Android su PC grazie all’applicazione Il Tuo Telefono. Il risultato è quello visibile nello screenshot di seguito: lo schermo dello smartphone (o del tablet) viene riprodotto sul monitor del computer e da lì è possibile accedere ai contenuti del dispositivo mobile oppure controllarne il funzionamento.

Windows Defender Application Guard

Nella build 18358 delle scorse settimane è invece stata avvistata la compatibilità di Windows Defender Application Guard con browser diversi da Edge, più nello specifico Chrome e Firefox. Esclusiva delle versioni Pro ed Enterprise del sistema operativo, si occupa di aprire all’interno di un contenitore virtuale le pagine Web non provenienti dagli indirizzi presenti in un elenco di “siti affidabili” definito dall’amministratore del sistema. Per l’utilizzo è necessaria l’installazione di un’estensione.

Stampa

Ridisegnata la pagina di dialogo per la stampa di documenti e immagini, attraverso l’implementazione di un layout pensato per offrire suggerimenti sulle singole funzioni.

Il changelog completo sarà ovviamente più lungo e corposo (layout inedito per la schermata di login e per quella relativa alle impostazioni, nuove icone per la systray, nuovi comandi per il Centro Notifiche ecc.), ma ci sarà modo di scriverne approfonditamente quando il prossimo major update verrà rilasciato: l’attesa terminerà la prossima settimana per gli Insider, per tutti alla fine di maggio.